All’IPSIA Garbin, sede scledense dell’ITS, i ragazzi hanno presentano venerdì 30 giugno i loro progetti meccatronici: dal taglia strass alla turbina pala eolica, dalla carrozzina che supera gli ostacoli architettonici al robot chirurgico. L’innovazione caratterizza il lavoro del nostro ITS Meccatronico Veneto che occupa il 100% dei ragazzi a sei mesi dal diploma.

 

Ecco come gli allievi progettano il futuro

Dalla macchina taglia bobine di strass, mai creata dal mercato, alla Wind Turbine, la pala eolica domestica; dalla Carrozzina automatizzata che permette al disabile di superare le barriere architettoniche allo Smart Cocktail dispenser, dal sistema di Dispensa automatizzata in cucina per disabili, al Distributore industriale di punte da trapano, dal Dispensatore di pillole medicinali alla Electric Enduro Bike, per finire con il Robot chirurgico che guida in modo semi-automatico l’applicazione di protesi BAHA interfacciandosi con il tavolo operatorio.

Non hanno limiti di innovazione i progetti messi in campo dai 36 gruppi di teamworking delle 5 sedi venete dell’ITS Meccatronico Veneto e presentati il 30 giugno u.s. a Schio all’IPSIA Garbin; presenti i 193 ragazzi dei corsi biennali che stanno seguendo il biennio formativo post diploma dei corsi di Tecnico Superiore per l’Automazione ed i Sistemi Meccatronici e di Tecnico Superiore per l’Innovazione di Processi e Prodotti Meccanici. Al termine consegnati i diplomi a coloro che hanno raggiunto il traguardo e si accingono ad entrare nel mondo del lavoro.

Le iscrizioni al biennio 2017-19 si chiudono il 17 luglio p.v. e dal prossimo avvio di corso, oltre alle sedi di Vicenza, Padova, Treviso, Legnago (VR) e Schio (VI) è disponibile anche la nuova sede di Rovigo.

Hanno detto:

“E’ bello vedere la sala piena a fine anno di giubbe rosse, di ragazzi appassionati di quello che fanno. Ragazzi che una volta diplomati sono sempre più richiesti e trovano un lavoro coerente con il percorso di studi nel 100% dei casi, ma sono ancora troppo pochi per le aziende che hanno fame di questi tecnici. E proprio per questo la Regione Veneto ha confermato l’apertura di una sesta sede a Rovigo a partire da ottobre. Tutto questo è stato possibile grazie alla dedizione e collaborazione dei coordinatori delle sedi, dei docenti, tutors e di quanti si prodigano dietro le quinte e naturalmente al supporto delle istituzioni, Regione, Miur, Provincia, Comuni, dirigenti scolastici delle scuole superiori, Confindustria e Apindustria”. 

Giorgio Spanevello – Direttore Fondazione ITS Meccatronico Veneto 

“Siamo partiti finanziando questo ITS con un contributo del 30%. Oggi siamo al 170% perché corsi di formazione come questi permettono di dare più opportunità di lavoro, di creare innovazione e sviluppo e vanno sostenuti”.

Elena Donazzan – Assessore Istruzione Formazione Lavoro e Pari Opportunità – Regione Veneto

Chiediamo a voi ragazzi di essere ambasciatori di questi percorsi, divulgarne le ottime caratteristiche per costruire futuro ed innovazione. Con il vostro contributo possiamo aumentare i brevetti, diffondere il Made in Italy e generare innovazione tecnologica”.

Laura DonàDirezione Generale USR Veneto MIUR

L’anno scorso in questo periodo non sapevamo neanche se il progetto ITS a Schio sarebbe stato approvato. Oggi posso dire che l’ITS Meccatronico è frutto di un grande gioco di squadra del territorio. E voi ragazzi ne siete i protagonisti!”

Marina Maino Dirigente Scolastica IPSIA G.B. Garbin

Leggi e accetta la nostra privacy policy prima di iniziare la conversazione tramite WhatsApp